Dalla tradizione celtica e longobarda, l’esercizio di disegnare forme porta allo schiudersi di forze creative sopite nell’essere umano. L’elemento artistico è la linea come traccia di un movimento. Le linee e le forme sono segni visibili di un gesto cosmico. Nell’alternanza ritmica di incurvare e tendere, dispiegare e incrociare, sciogliere e legare, si manifesta il gesto fondamentale di ogni vita. In un’epoca dove i ritmi malsani rischiano di farci indebolire, l’esercizio del disegnare forme è una sorgente di forze risanatrici, vitalizzanti ed animicamente attivanti.